Newwave Media srl

Studio Mistretta

Vicini al Parco Lambro, vicini a voi.
Da 30 anni a Milano, al servizio
del cittadino e delle imprese.

Dichiarazione dei redditi Fisco Legge di Bilancio

BONUS MOBILI 2018

febbraio 2018

Per consentire, a tutti i lettori del presente POST, di usufruire e di detrarre correttamente lo sgravio fiscale Bonus Mobili, si riassumono in maniera semplice e puntuale le fasi operative.
L’agevolazione fiscale permette la detrazione per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici destinati ad arredare singole unità immobiliari residenziali o parti comuni di edifici residenziali nelle quali siano intervenuti lavori di ristrutturazione.

  • SPESE DETRAIBILI

Mobili nuovi: letti, armadi, cassettiere, librerie, credenze, comodini, divani ecc.
Elettrodomestici: Frigoriferi, congelatori, lavatrici, lavastoviglie, forni a microonde, ventilatori elettrici, radiatori elettrici, apparecchi per la cottura (classe energetica A+ con la sola eccezione dei forni che non devono avere una classe inferiore ad A)

  • PERIODO DELL’AGEVOLAZIONE

Solo le spese sostenute nel 2018 con un tetto massimo di euro 10.000,00

  • DATA ACQUISTO MOBILI

La data di acquisto dei mobili per i quali si vuole beneficiare dello sgravio fiscale deve avere data successiva a quella dell’inizio lavori di ristrutturazione

  • LAVORI

L’agevolazione spetta agli interventi di recupero del patrimonio edilizio iniziati a decorrere dal 1° gennaio 2017

  • MODALITA’ DI PAGAMENTO

Bonifico Bancario – Carte di Credito/Bancomat – Finanziamento

  • DOCUMENTI DA CONSERVARE

Fatture/scontrini di acquisto con indicazione dei dati identificativi dell’acquirente;
Documentazione dalla quale si evinca la classe energetica dell’elettrodomestico;
Ricevute dei bonifici;
Ricevuta di avvenuta transazione per i pagamenti mediante carte di credito o bancomat (meglio allegare anche E/C dal quale si evinca l’addebito);
Autocertificazione attestante l’utilizzo dei beni nell’immobile oggetto di interventi di ristrutturazione edilizia;
Data di inizio lavori di ristrutturazione: eventuali abilitazioni amministrative o comunque documento che attesti l’effettivo inizio dei lavori. Possibile anche una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà

  • AMMONTARE DELLA DETRAZIONE

Il 50% della spesa sostenuta con un tetto massimo di euro 10.000,00 detraibili in 10 quote costanti annuali

Per chi volesse approfondire, in data 22 gennaio, l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul proprio sito la guida aggiornata relativa al bonus mobili.

Share this article

Trasferte e trasfertisti.

L’ar. 7 – quinques del DL. 193/2016 ha introdotto una norma di interpretazione autentica in materia di determinazione del reddito dei lavoratori dipendenti che svolgono occasionalmente o abitualmente la loro attività fuori dalla sede di lavoro (cd. Ipotesi di trasferta e trasfertista).

maggio 2017
more

E’ TEMPO DI DICHIARARE!!!

Eh già...tra poco, come ogni anno, bisogna fare i conti con la predisposizione e l’invio della dichiarazione dei redditi:

“Modello 730 o Modello Unico (ex 740)”

marzo 2018
more

Licenziamenti insindacabili.

La Corte di Cassazione, con sentenza 25201/2016, finalmente, interpreta nel modo corretto le norme sul giustificato motivo di licenziamento (giustificato motivo oggettivo).

marzo 2017
more

LICENZIAMENTO DISCIPLINARE: OCCHIO ALLA PROCEDURA!!

novembre 2017
more